Relitto del Genepesca

Share
Rates: 33

Relitto Genepesca Wreck secche di Vada intotheblue.it
Questa estate ci siamo immersi anche noi sul relitto del Genepesca, dopo tanti anni infatti il relitto sta cambiando, collassando piano piano. Il fumaiolo centrale, caratteristica principale della nave è infatti crollato sulla destra, probabilmente a causa di una rete a strascico. Il relitto in sé conserva ancora il suo fascino nonostante la presenza non frequente di Mucillagine. I pesci e le varie specie marine di una volta come gronghi, murene, cernie, gorgonie,  crostacei come astici ed aragoste non ci sono più; forse a causa del fenomeno mucillagine o più probabilmente per la frequenza pressochè giornaliera di sub. Rimane comunque una bellissima immersione anche con l’acqua non sempre molto limpida.

 

 

 

La motonave GENEPESCA I, fu varata dai Cantieri di Riva Trigoso nel 1940 e terminò la sua non longeva carriera su una mina posizionata sulle Secche di Vada il 26 maggio 1945. Era stata progettata e realizzata per permettere la surgelazione del pesce appena pescato direttamente a bordo ed in modo da mantenere la catena del freddo anche durante le fasi di commercializzazione nelle propria catena ancora nota con il nome di “Genepesca”. La motonave proveniente da Tunisi stava rientrando a Livorno. Era lunga 78,71 m., con un baglio massimo di 12,23 m. e un pescaggio di 5,51 m. Ora giace spezzata in due tronconi su un fondale sabbioso di 33 m. al massimo e  con il fumaiolo che svettava fino a 19 m. dalla superficie.2 Ora è scomparso, agganciato da una rete a strascico. Il troncone principale è lungo 55 m. circa e risulta sbandato sulla sinistra di pochi gradi. L’altro troncone, la prua, si trova ad un centinaio di metri, coricato sul mascone di dritta ad una profondità massima di 29 m. ed è lungo poco più di 20 m.

 

Si trova a circa un miglio a Sud-Sud-Ovest del Faro di Vada e ci si arriva in pochi minuti di navigazione con un gommone veloce che si ormeggia esattamente sopra al troncone principale, permettendo una comoda discesa lungo la cima dell’ancora ed una altrettanto comoda risalita con eventuali soste di sicurezza/decompressione.

https://bluesubmarineasd.wordpress.com/2014/04/09/il-genepesca/

 

 

http://www.italiasub.it/pages/relitti/relitto.asp?id=8&relitto=Genepesca%20I

Tipo: peschereccio
Anno di costruzione: 1940
Nazionalità: italiana
Lunghezza: 78,71
Larghezza: 12,23
Immersione: 5,51
Data affondamento: 26 maggio 1945
Causa dell’affondamento: collisione con una mina
Rotta: in navigazione da Tunisi a Livorno
Carico: generi alimentari
Mare: Mediterraneo
Stato: Italia
Regione: Toscana
Provincia: Livorno
Località: Marina di Cecina
Profondità minima: 18
Profondità massima: 32
Fondo: sabbia
Tipo di immersione: ricreativa
Difficoltà: media
Visibilità: buona

 

Please follow and like us:

Informazioni sull'autore / About the author:
Andrea Cirivasi Andrea Cirivasi ha scritto / wrote 60 articoli / Posts.
Questo articolo è stato scritto il / This article was written on 20/08/2018
Facebook
Facebook
LinkedIn
Twitter
Google+
Google+
http://www.intotheblue.it/2018/08/20/relitto-del-genepesca">
YouTube
Pinterest
INSTAGRAM