Velella velella

Velella velella, cnidari - intotheblue.it

Velella velella, cnidari – intotheblue.it

 

Velella è un genere monospecifico di idrozoi della famiglia Porpitidae. La sua unica specie conosciuta è la Velella velella, un idrozoo galleggiante che galleggia sulla superficie dell’oceano aperto. È comunemente noto con il nome di zattera di mare, marinaio al vento, vela viola, vela piccola o semplicemente Velella.

Questo piccolo cnidaro fa parte di una comunità di superficie oceanica specializzata che include il più noto sifonoforo cnidario: la Caravella Portoghese. I molluschi predatori specializzati nei gastropodi predano questi cnidari. Tali predatori includono nudibranchi (lumache di mare) nel genere Glauco e lumache viola nel genere Janthina.

Velella velella, cnidari - intotheblue.it

Velella velella, cnidari – intotheblue.it

 

Ogni individuo apparente è una colonia idroidea e la maggior parte ha una lunghezza inferiore a circa 7 cm. Di solito sono di colore blu intenso, ma la loro caratteristica più evidente è una piccola vela rigida che cattura il vento e li spinge sulla superficie del mare. In determinate condizioni di vento, possono essere bloccati dalle migliaia sulle spiagge.

Come gli altri Cnidaria, la Velella Velella è carnivora. Prendono la loro preda, generalmente plancton, per mezzo di tentacoli che cadono nell’acqua e portano cnidocisti (chiamate anche nematocisti). Le tossine nelle loro nematocisti sono efficaci contro la loro preda. Mentre gli cnidari possiedono tutti nematocisti, in alcune specie i nematocisti e le tossine in essi presenti sono più potenti di altre specie. Le nematocisti di V. velella sono relativamente benigne per l’uomo, sebbene ciascuna persona possa rispondere in modo diverso al contatto con la tossina. È consigliabile evitare di toccare il proprio viso o gli occhi dopo aver manipolato V. velella e il prurito potrebbe svilupparsi su parti della pelle che sono state esposte.

Velella velella, cnidari - intotheblue.it

Velella velella, cnidari – intotheblue.it

 

Distribuzione e habitat
Velella velella vive in acque tiepide e temperate in tutti gli oceani del mondo. Vivono all’interfaccia acqua / aria, con la vela sopra l’acqua e polipi che pendono giù circa un centimetro sotto. Gli organismi che vivono in parte e in parte fuori dall’acqua come questo sono noti come pleuston. I navigatori offshore a volte incontrano migliaia di V. velella sulla superficie dell’acqua.

La piccola vela rigida si proietta nell’aria e prende il vento. Tuttavia le vele Velella si allineano sempre lungo la direzione del vento dove la vela può agire come un aliscafo in modo che gli animali tendono a navigare sottovento con una piccola angolazione rispetto al vento. Non avendo mezzi di locomozione diversi dalla sua vela, V. velella è in balia dei venti dominanti per muoversi in mare, e quindi è anche soggetta ad ammassi di massa sulle spiagge di tutto il mondo. Ad esempio, nella maggior parte degli anni, in primavera, si verifica un attacco di massa lungo la costa occidentale del Nord America, dalla Columbia Britannica alla California, che inizia nel nord e si sposta a sud nel giro di diverse settimane. In alcuni anni, così tanti animali sono lasciati alla linea di marea dalle onde che si allontanano, che la linea di animali morenti (e successivamente marciti) può essere profonda molti centimetri, lungo centinaia di chilometri di spiagge. Spiaggiamenti di massa sono stati segnalati anche sulla costa occidentale dell’Irlanda.

Velella velella, barchetta di San Pietro o di San Giovanni, idrozoi, Porpitidae, cnidari – intotheblue.it

 

Ciclo vitale
Come molti Hydrozoa, la Velella Velella ha un ciclo di vita bipartito, con una forma di alternanza di generazioni. Ogni “individuo” con la sua vela è in realtà una colonia idroide, con molti polipi che si nutrono di plancton oceanico. Questi sono collegati da un sistema di canali che consente alla colonia di condividere qualunque cibo venga ingerito da singoli polipi. Ogni marinaio al vento è una colonia di polipi di soli maschi o di tutte femmine. La colonia ha diversi tipi di polipi, alcuni dei quali sono sia di alimentazione che riproduttivi, chiamati gonozooidi e altri protettivi, chiamati dattiloidi.

Velella velella, cnidari - intotheblue.it

Velella velella, cnidari – intotheblue.it

 

https://en.wikipedia.org/wiki/Velella

 

 

Velella velella

Leave a Reply

Facebook
Facebook
LinkedIn
Twitter
YouTube
Pinterest
Email
RSS