Crostacei - Crustacea

Aragosta - Palinurus Elephas

Aragosta - Palinurus Elephas

L' Aragosta mediterranea (Palinurus elephas Fabricius, 1787) è un crostaceo dell'ordine Decapoda che vive nei fondali del mar Mediterraneo e dell'oceano ...
Astice Europeo - Homarus gammarus

Astice Europeo - Homarus gammarus

L’astice europeo, Homarus gammarus (Linnaeus, 1758), conosciuto anche come lupicante, è un crostaceo decapodo appartenente alla famiglia Nephropidae.. ...
Favollo - Eriphia verrucosa

Favollo - Eriphia verrucosa

Eriphia verrucosa  (Forskål , 1775 ), co...
Granchio zampe gialle - Percnon gibbesi

Granchio zampe gialle - Percnon gibbesi

Si chiama Percnon gibbesi. E’ un crostaceo “alieno” avvistato nel Mediterraneo, per la prima volta nel 2009, a Linosa, ma con ogni probabilità già presente in molte altre aree senza essere riconosciuto. Non avendo un nome comune lo abbiamo chiamato Granchio...
Paguro - Pagurus

Paguro - Pagurus

Il genere Paguro (Pagurus, Fabricius, 1775) appartiene alla famiglia dei Paguridi. ...
Pulce di mare - neroctailia bivitta

Pulce di mare - neroctailia bivitta

La  Pulce di mare (neroctailia bivitta) appartene al philum degli artropodi, al subphilum dei crostacei, alla classe dei malacostracei ed all’ordine degli isopodi. ...

I crostacei Crustacea costituiscono un subphylum degli Artropodi

I crostacei (Crustacea Brünnich, 1772) costituiscono un subphylum degli Artropodi che comprende principalmente animali acquatici marini, sebbene siano ampiamente presenti anche nelle acque dolci e sia nota qualche specie terrestre.

Astice europeo – Homarus gammarus – Lupicante


Descrizione

Quello dei Crostacei costituisce un gruppo molto eterogeneo i cui membri, a livello morfologico, sono accomunati soprattutto da due caratteri basali:

la presenza di due paia di appendici preorali (antennule e antenne) nel cephalon, altrimenti identico – per numero e disposizione dei segmenti e appendici – a quello di Miriapodi ed Esapodi;
la presenza di alcune appendici biramose (differenti però da quelle dei Trilobitomorfi).
Nei Crostacei più primitivi vi sono ancora segni di metameria omonoma nel tronco, unica regione successiva al cephalon: in tal caso tutti i segmenti del tronco recano appendici locomotorie, che si fanno solitamente più piccole avvicinandosi all’ultimo segmento, che presenta spesso una forcula rigida.

Nei crostacei più evoluti il tronco è suddiviso in torace e addome, detti rispettivamente pereion e pleon. In questo caso si ha una differenziazione delle appendici in pereiopodi (nel pereion) e pleiopodi (nel pleon): i pereiopodi sono principalmente adibiti alla locomozione terrestre (i pereiopodi più anteriori possono svolgere la funzione di presa e triturazione del cibo ed in tal caso vengono detti massillipedi), mentre i pleiopodi svolgono altre funzioni (per esempio possono essere foggiati a paletta per il nuoto, possono recare branchie, servire a trattenere le uova).

Aragosta – Palinurus Elephas – intotheblue.it


A volte i pleiopodi dell’ultimo paio sono appiattiti e si affiancano al telson (segmento post-anale privo di appendici), anch’esso appiattito, formando un ventaglio caudale (ad esempio nelle aragoste).

In alcuni Crostacei, i più noti, il torace e il capo sono fusi assieme a costituire un cefalotorace, ricoperto da un carapace reso più rigido dalla deposizione di carbonato di calcio.

Gli occhi possono trovarsi all’estremità di appendici modificate o essere peduncolati.

Un tipico esempio di avanzamento della differenziazione dei segmenti si ha nei granchi. In questi Crostacei evoluti, l’addome non presenta più appendici: è anzi ridotto e rivoltato sotto al cefalotorace.

(Wikipedia)

Relitto del rimorchiatore Silvio

Palinurus elephas, Corallium rubrum, Scorpaena scrofa, Savalia savaglia, Anthias anthias

Leave a Reply

Facebook
Facebook
LinkedIn
Twitter
YouTube
Pinterest
Email
RSS