Anellide Policheta - Polychaeta

Serpulide - Hydroides Dianthus

Serpulide - Hydroides Dianthus

Il Serpulide Hydroides Dianthus è un Verme che appartiene al philum degli Anellidi, ed alla classe dei Policheti Sedentari e all’ordine dei Sabellidi ed al genere dei Serpulidi. ...
Spirografo - Sabella spallanzanii

Spirografo - Sabella spallanzanii

Lo Spirografo, Sabella spallanzanii è un anellide policheta marino della famiglia sabellidae. I nomi comuni includono il verme ventilatore Mediterraneo, il verme piumino,...

 

 

I policheti (Polychaeta Grube, 1850) sono la classe filogeneticamente più antica del phylum degli Anellidi, comprendente circa 13.000 specie. Sono animali bentonici e hanno un habitat marino. Polychaetes Polychaeta annelid phylum Policheti Anellidi intotheblue.it

 

Lo spirografo (Sabella spallanzanii) – intotheblue.it

Morfologia
Presentano uno sviluppo indiretto per larva di tipo trocofora, nella quale vi è la presenza di tasche celomatiche già differenziate e metamerizzate. La trocofora dei policheti rappresenta la forma classica, è caratterizzata da una tipica forma a trottola e da due bande ciliate, prototroco e metatroco, che ne circondano la superficie all’incirca a livello del piano equatoriale. Queste bande funzionano sia per il movimento che che per l’alimentazione attraverso la filtrazione del plancton. Lo sviluppo avviene con l’allungamento nella parte posteriore e l’inizio della segmentazione, dunque i segmenti di più recente formazione sono quelli in prossimità del pigidio. Polychaetes Polychaeta annelid phylum Policheti Anellidi intotheblue.it

spirografo - serpulidae diantus - intotheblue.it

spirografo – serpulidae diantus – intotheblue.it

Le dimensioni della maggior parte delle specie variano dai 5 ai 10 cm, ma ci sono specie che misurano pochi millimetri e altre (Dasybranchus caducus) che possono oltrepassare il metro di lunghezza e lo spessore di 2 cm.

Il corpo mostra una chiara segmentazione metamerica.

Si distinguono tre regioni, prostomio o regione cefalica, metastomio o tronco e pigidio o coda. Sono privi di clitello (rigonfiamento paracentrale ricco di ghiandole mucipare presente invece nei lombrichi).

Il prostomio è il segmento preorale, dove si trovano i gangli cerebrali e gli organi sensoriali, inclusi gli occhi, le antenne o tentacoli, i palpi sensoriali e gli organi nucali; nelle forme sedentarie sia il prostomio sia gli organi sensoriali possono presentarsi di dimensioni molto ridotte. Il peristomio o segmento orale, dove si apre la bocca e dove si trovano gli organi necessari alla cattura degli alimenti e quelli sensoriali legati all’alimentazione. Prostomio e peristomio non sono sempre ben diversificati, anzi frequentemente si presentano più o meno fusi o sovrapposti. La cavità buccale è frequentemente evaginabile e provvista di papille e mandibole chitinose.
Il metastomio
I restanti segmenti metamerici possono essere somiglianti (metamero, segmentazione omonoma) o formare regioni chiaramente distinte (metamero, segmentazione eteronoma); questo è il caso di alcuni policheti sedentari. le strutture più caratteristiche del metastomio sono i parapodi. solitamente i parapodi sono costituiti da due parti, una dorsale detta notopodio, e una ventrale detta neuropodio, entrambe presentano un cirro e sono provviste di setole, delle formazioni chitinose a forma di ago molto caratteristiche da cui deriva il nome del gruppo, le quali sono connesse mediante muscoli al mesenterio ventrale, questo permette il loro movimento e il conseguente movimento dell’animale.

Il pigidio
Alcune specie hanno parapodi presenti e ben visibili che permettono loro di strisciare sul fondo (cosiddetti policheti erranti).
In molte altre specie (cosiddetti policheti sedentari) mancano invece i parapodi: sono forme spesso semisessili, affondate nel sedimento attraverso un tubo prodotto dalle secrezioni di cellule epidermiche (tubicolati). La composizione del tubo è molto varia, potendo essere mucoso, frequentemente misto a particelle di fango, sabbia o resti organici, membranoso, chitinoso o calcareo.

Alcune specie, come lo spirografo, sono ornate di una ricca e colorata corona di tentacoli a spirale.

Spirografo – Sabella spallanzanii – intotheblue.it

 

 

Hydroides Dianthus

Il Serpulidae  hydroides Dianthus

Lo Spirografo

Muraena helena – Echinaster sepositus – Stylocidaris affinis

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Facebook
Facebook
LinkedIn
Twitter
YouTube
Pinterest
Email
RSS