Sardegna Capo Carbonara Cernia Bruna

Share
Rates: 3

L’area naturale marina protetta Capo Carbonara è una area naturale protetta che si trova nella Sardegna sud orientale, nella zona di mare Tirreno che va da capo Boi fino all’area antistante l’isola Serpentara. Intotheblue.it Capo Carbonara protected natural area Sardinia Sardegna

Capo Carbonara Cernia Bruna intotheblue.it

Capo Carbonara Cernia Bruna intotheblue.it

La sua superficie di quasi 86 chilometri quadrati è suddivisa dai quadranti: A, B e C. Nell’area marina protetta sono incluse oltre al promontorio di capo Carbonara, l’isola dei Cavoli, la secca dei Berni (nella zona di mare antistante Villasimius fra l’isola dei Cavoli e l’isola Serpentara), le secche di Mezzo e di Libeccio (a sud dell’isola dei Cavoli), la secca di Santa Caterina a ovest dell’omonima cala e la secca dei Pescatelli nella zona di mare antistante porto Sarux. Intotheblue.it Capo Carbonara protected natural area Sardinia Sardegna

Capo Carbonara Cernia Bruna intotheblue.it

In questo video siamo sulla secca di Santa Caterina e abbiamo trovato un esemplare di Cernia Bruna che si è lasciato filmare per pochi minuti.

Capo Carbonara Cernia Bruna intotheblue.it

Capo Carbonara Cernia Bruna intotheblue.it

Sebbene la famiglia dei Serranidi comprenda specie di diverse dimensioni, forme e colori, vi sono alcune caratteristiche tipiche presenti in tutti i serranidi: tipici esempi possono essere la Cernia bruna o la perchia, comuni nei mari italiani. La bocca è grande e protraibile, armata di denti conici impiantati in più serie. Il corpo è in genere robusto, con una lunga pinna dorsale, in parte spinosa e in parte a raggi molli, la pinna anale è più breve e porta anch’essa alcuni raggi spinosi, la pinna caudale può essere arrotondata, tronca o fortemente bilobata e filiforme (come in Anthias o Variola). Il preopercolo porta alcune spine o dentelli. Le scaglie sono piccole e ctenoidi.
Le livree sono variabili, di solito molto mimetici e quindi sui toni del bruno con macchie, strisce o fasce variamente disposte, spesso utili per distinguere le varie specie; molte specie, soprattutto tropicali, però mostrano vivaci colori rossi, gialli ed azzurri che talvolta, come nei vari Anthias, Cephalopholis, Variola, ecc. possono essere predominanti e comporre magnifiche livree.
Le dimensioni vanno dai pochi cm di molti Serranus agli oltre due metri di Epinephelus lanceolatus dei mari indopacifici.

Informazioni sull'autore / About the author:
Andrea Cirivasi Andrea Cirivasi ha scritto / wrote 119 articoli / Posts.
Questo articolo è stato scritto il / This article was written on 19/04/2019
Facebook
Facebook
LinkedIn
Twitter
YouTube
Pinterest
Email
RSS