Medusa Polmone di Mare e Plancton

Share
Rates: 16

Durante un’ immersione notturna si riesce ad ammirare quanta vita ci sia nel nostro mare e quanto fragile e nascosta ai nostri occhi essa sia. Mentre stavo cercando di filmare una medusa rhizostoma pulmo (polmone di mare) con la luce blu per cercare di catturare una qualche sua bioluminescenza, mi sono imbattuto in una esplosione di luci blu, probabilmente piccoli pesci o plancton che non si riuscivano a vedere con la normale luce bianca.

Medusa Polmone di Mare e Plancton intotheblue.it

Medusa Polmone di Mare e Plancton intotheblue.it

Nel video si vede abbastanza bene come una volta accesa la luce blu, questi organismi siano letteralmente esplosi, probabilmente attirati dalla luce stessa. La bioluminescenza del plancton è ormai ben documentata, ed anche nel Mar Mediterraneo è facilmente visibile in estate senza doversi immergere.

La maggior parte della bioluminescenza del mediterraneo è comunque generate dal plancton che emettono luce se in qualche modo vengono stimolati ed in questo caso sembra che abbiamo una qualche preferenza per la luce blu.

Medusa Polmone di Mare e Plancton intotheblue.it

Medusa Polmone di Mare e Plancton intotheblue.it

Sui mari temperati, come il nostro Mediterraneo, il fenomeno appare con maggior evidenza solo nella stagione estiva, in presenza di notti serene e con un moto ondoso sovente di debole entità. Il fenomeno, come abbiamo detto, è stato denominato con il termine di “bioluminescenza marina”. Esso si origina in seguito a processi chimico-fisici che si formano in varie specie di organismi animali e vegetali che si trovano sotto la superficie del mare.

Il colore della luce è di solito bianco, verdastro o addirittura azzurrino. Più raramente si può presentare con la tendenza verso il giallo e il rosso. Nella maggior parte dei casi la “bioluminescenza marina” è originata dal Plancton. I microrganismi animali e vegetali che compongono il Plancton emettono luce se vengono in qualche modo stimolati o disturbati da altri elementi. In certi tratti di oceano e in certe circostanze il fenomeno raggiunge dimensioni davvero molto imponenti per la presenza contemporanea di enormi masse di questi organismi.

Difatti il Plancton è presente in tutte le acque, ma le concentrazioni variano con le stagioni e i luoghi, aumentando soprattutto d’estate, specie nei mari temperati dove è più facile osservare il fenomeno. Ma macchie luminose più intense possono essere provocate da altri organismi marini più grandi che vivono in colonie molto numerose, come certe meduse. Anche fra i pesci, i crostacei e molluschi vi sono molte specie che emettono luce, tanto da riuscire ad illuminare per intero la superficie marina. La capacità di questi animali di emettere luminosità viene chiamata per l’appunto “bioluminescenza”.

E’ dovuta alla reazione tra un enzima, la luciferasi, e un pigmento, la luciferina, una caratteristica molto diffusa tra gli abitanti del mare. La “bioluminescenza” può essere utilizzata per vari fini, fra cui illuminare le acque circostanti per confondere i potenziali predatori, o ancora come esca o come segnale di corteggiamento.

https://www.tempostretto.it/news/lo-spettacolare-fenomeno-della-bioluminescenza-marina-ecco-dove-si-puo-ancora-osservare

 

This slideshow requires JavaScript.

Informazioni sull'autore / About the author:
Andrea Cirivasi Andrea Cirivasi ha scritto / wrote 153 articoli / Posts.
Questo articolo è stato scritto il / This article was written on 07/09/2020