Immersione nella Posidonia

Share
Rates: 10

Immergersi nella Posidonia può far pensare ad una immersione noiosa in cui sia difficile trovare pesci e organismi marini. A volte sicuramente è così ma la Posidonia oceanica nel Mar Mediterraneo è in realtà un rifugio sicuro ed una nursery per molte specie di pesci e animali. Si tratta ricordiamo di una pianta e non di un’ alga e come tutte le piante è estremamente importante per l’ecosistema, anche e soprattutto nell’ ecosistema marino.

Posidonia oceanica Neptune grass meadow Mediterranean tapeweed - intotheblue.it

Posidonia oceanica Neptune grass meadow Mediterranean tapeweed – intotheblue.it

Come tutte le piante ossigena l’ambiente quindi il mare e cattura l’anidrite carbonica dall’atmosfera, cambiando l’acidità dell’acqua e svolgendo un ruolo fondamentale nella regolazione dell’equilibrio ecologico del mare. Inoltre a fine ciclo le piante morte che vengono depositate sulla spiaggia riducono l’erosione e preservano quindi i litorali.

Il posidonieto è considerato un buon bioindicatore della qualità delle acque marine costiere. E’ una pianta che va quindi protetta, a livello mondiale il tasso di perdita è di 1-2% l’anno, percentuale che nel Mediterraneo raggiunge addirittura il 5% e il suo declino è di fatto irreversibile, poiché il recupero di questa pianta richiede dei secoli. Per questo Posidonia oceanica è tutelata dalle legislazioni europee e nazionali, che la definiscono un “habitat prioritario”.

Posidonia oceanica Neptune grass meadow Mediterranean tapeweed - intotheblue.it

Posidonia oceanica Neptune grass meadow Mediterranean tapeweed – intotheblue.it

In questa immersione la vediamo abbastanza rigogliosa e si alterna a zone di roccia e di coralligeno, siamo sulla sommità delle Secche di Vada in provincia di Livorno, nella parte a nord/ovest dell’ ormai famoso Faro di Vada o “Fanale“. Molti chiamano questa zona “Il Cervello” per la particolare geologia e per l’alternarsi di zone scure della Posidonia e zone chiare degli scogli e del fondale di coralligeno. Grazie alle bellissime immagini del drone si vede bene questa caratteristica che contraddistingue questo luogo che è un vero paradiso per gli amanti del mare.

Immersione nella Posidonia - Diving in posidonia - intotheblue.it

Immersione nella Posidonia – Diving in posidonia – intotheblue.it

This slideshow requires JavaScript.

Posidonia oceanica (L.) Delile, 1813 è una pianta acquatica, endemica del Mar Mediterraneo, appartenente alla famiglia delle Posidoniacee (angiosperme monocotiledoni). Ha caratteristiche simili alle piante terrestri, ha radici, un fusto rizomatoso e foglie nastriformi lunghe fino ad un metro e unite in ciuffi di 6-7. Fiorisce in autunno e in primavera produce frutti galleggianti volgarmente chiamati “olive di mare“.
Forma delle praterie sottomarine che hanno una notevole importanza ecologica, costituendo la comunità climax del mar Mediterraneo ed esercitando una notevole azione nella protezione della linea di costa dall’erosione. Al suo interno vivono molti organismi animali e vegetali che nella prateria trovano nutrimento e protezione.

Chromis chromis Posidonia oceanica Neptune grass meadow Mediterranean tapeweed - intotheblue.it

Chromis chromis Posidonia oceanica Neptune grass meadow Mediterranean tapeweed – intotheblue.it

Morfologia
Posidonia oceanica presenta radici che servono principalmente per ancorare la pianta al substrato, rizoma e foglie nastriformi.

Dettaglio del rizoma
I rizomi, spessi fino ad 1 cm, crescono sia in senso orizzontale (rizomi plagiotropi), sia in senso verticale (rizomi ortotropi). I primi, grazie alla presenza sul lato inferiore di radici lignificate e lunghe fino a 15 cm, ancorano la pianta al substrato mentre i secondi, incrementando l’altezza, hanno la funzione di contrastare l’insabbiamento dovuto alla continua sedimentazione. I due tipi di accrescimento danno luogo alla cosiddetta matte, una formazione a terrazzo costituita dall’intreccio degli strati di rizomi, radici e dal sedimento intrappolato. In questo modo le posidonie colonizzano un ambiente difficilmente utilizzabile dalle alghe a causa della mancanza di radici.

Rizoma - Rhizomes - Posidonia oceanica Neptune grass Mediterranean tapeweed - intotheblue.it

Rizoma – Rhizomes – Posidonia oceanica Neptune grass Mediterranean tapeweed – intotheblue.it

Riproduzione

La riproduzione sessuale avviene mediante la produzione di fiori e frutti. I fiori sono ermafroditi e raggruppati in una infiorescenza a forma di spiga, di colore verde e racchiusa tra brattee fiorali. L’asse floreale si attacca al rizoma al centro del fascio. Il gineceo è formato da un ovario uniloculare che continua con uno stilo e termina con lo stigma; l’androceo è costituito da tre stami con antere corte. La fioritura è regolata da fattori ambientali (luce e temperatura) e da fattori endogeni (età e dimensione della pianta) e avviene in settembre – ottobre nelle praterie più vicine alla superficie del mare, mentre è spostata di due mesi nelle praterie più profonde.
Il polline all’interno dell’antera è di forma sferica, ma diventa filamentoso appena viene rilasciato in acqua. Non sono presenti meccanismi di riconoscimento tra polline e stigma che prevengano l’autofecondazione. L’impollinazione è idrofila e può portare alla formazione dei frutti, sebbene alcuni abortiscano prima della maturazione che avviene dopo sei mesi. Una volta maturi, i frutti si staccano e galleggiano in superficie.

Il frutto, leggermente carnoso e chiamato volgarmente “oliva di mare”, è simile ad una drupa e presenta un pericarpo poroso e ricco di una sostanza oleosa che ne permette il galleggiamento. Quando marcisce viene liberato un seme, che cade sul fondo e se trova le adatte condizioni di profondità e il tipo di sedimento giusto germina e dà origine ad una nuova pianta.

https://it.wikipedia.org/wiki/Posidonia_oceanica

futurismoasinara.com/posidonia-oceanica

Gallery

This slideshow requires JavaScript.

Informazioni sull'autore / About the author:
Andrea Cirivasi Andrea Cirivasi ha scritto / wrote 190 articoli / Posts.
Questo articolo è stato scritto il / This article was written on 17/10/2021
%d bloggers like this: