Scogliera coralligena di Calafuria

Share
Rates: 52

La Scogliera coralligena di Calafuria a Livorno è’ una delle zone costiere più belle della Toscana nel tratto che va da Quercianella a Livorno. A picco sul mare questa splendida scogliera prosegue il suo profilo anche sotto la superficie marina sino a raggiungere i 36 metri di profondità, a breve distanza dalla riva, per poi appoggiarsi su un fondale marino di detriti sabbiosi misti a fango.

La Scogliera di Calafuria a Livorno - Calafuria reef near Livorno - www.intotheblue.it

La Scogliera di Calafuria a Livorno – Calafuria reef near Livorno – www.intotheblue.it

Zona selvaggia ricoperta da una rigogliosa macchia mediterranea con alle spalle le colline livornesi. Da qui si può ammirare un panorama unico che comprende la più vicina Isola di Gorgona, l’isola di Capraia e nelle giornate più limpide si scorge facilmente la Corsica il Promontorio di Piombino e l’intera Isola d’Elba. La bellezza del litorale ha portato nel 1962 il regista Dino Risi a girare qui una parte del celebre film  “Il Sorpasso” che ha contribuito a rendere celebre in tutto il mondo la frazione di Castiglioncello.

Scogliera coralligena di Calafuria con corallo rosso - Corallium rubrum - Coral reef of Calafuria with Precious coral - www.intotheblue.it

Scogliera coralligena di Calafuria con corallo rosso – Corallium rubrum – Coral reef of Calafuria with Precious coral – www.intotheblue.it

Per i subacquei e gli amanti del mare Calafuria rappresenta un vero e proprio paradiso sommerso. E’ facilmente raggiungibile da terra, sia per coloro che si immergono con le bombole, sia per quanti si immergono in apnea o che amano fare snorkeling, e quindi non vi è l’esigenza di imbarcazioni di appoggio e di assistenza dalla superficie. Si può fare l’immersione in assoluta sicurezza raggiungendo il fondo per poi risalire lentamente in superficie seguendo il profilo del fondale. Si può rimanere nella cosiddetta “curva di sicurezza” perché la profondità è relativamente impegnativa. E’ una vera e propria palestra di allenamento e di prova delle attrezzature per coloro che poi vogliono fare immersioni impegnative.

Scogliera coralligena mediterranea di Calafuria - Mediterranean coral reef of Calafuria - www.intotheblue.it

Scogliera coralligena mediterranea di Calafuria – Mediterranean coral reef of Calafuria – www.intotheblue.it

Soprattutto vogliamo mettere in evidenza l’esuberante vita biologica della scogliera corallina. La biodiversità esalta le caratteristiche della flora e della fauna del Mar Mediterraneo. Qui è possibile ammirare colonie di Corallo rosso (Corallium rubrum), di Gorgonie rosse (Paramuricea clavata), di spugne di vario genere tipiche dei fondali corallini mediterranei ecc. La fauna inoltre è un concentrato di vita veramente unico e non è possibile descrivere in così breve spazio tutte le specie presenti citeremo a titolo di esempio la presenza di Cernie, di saraghi, di corvine, di muggini, di spigole, di aragoste, di scorfani rossi, di pesci pelagici quali barracuda, palamite, ricciole, lampughe, ecc.

Scogliera coralligena di Calafuria con corallo rosso - Corallium rubrum - Coral reef of Calafuria with Precious coral - www.intotheblue.it

Scogliera coralligena di Calafuria con corallo rosso – Corallium rubrum – Coral reef of Calafuria with Precious coral – www.intotheblue.it

Il filmato realizzato mette in evidenza alcuni degli aspetti descritti ma lascia ampio spazio a tutti coloro che immaginano la bellezza della vita sommersa del Mediterraneo. L’impatto delle attività umane sia recenti che attraverso i secoli lo vediamo dalle reti da pesca perse, dai vari palamiti usati per la cattura del pesce abbandonati, dalle lenze da pesca afferrate al fondo ecc.  Vogliamo ancora una volta però richiamare l’attenzione di coloro che amano il mare che anche questa zona risente dei cambiamenti climatici e del riscaldamento ambientale.

This slideshow requires JavaScript.

Informazioni sull'autore / About the author:
Fanino Cirivasi Fanino Cirivasi ha scritto / wrote 191 articoli / Posts.
Questo articolo è stato scritto il / This article was written on 13/04/2022
%d bloggers like this: