Sorgente vulcanica sottomarina

Share
Rates: 25

Quando un vulcano termina la sua attività eruttiva rimane in profondità il magma liquido che si raffredda lentamente solidificandosi nell’arco di milioni di anni. L’area vulcanica continua ad interagire con il terreno e con la superficie, con le falde acquifere profonde, con i gas in risalita ed anche con le acque piovane che riescono a penetrare in profondità attraverso gli strati rocciosi per poi tornare in superficie sotto varie forme. In questo video come sorgente vulcanica sottomarina. Spesso sono sorgenti di acqua calda ricche di sali minerali con temperature variabili. Queste acque termali hanno origine dalle falde freatiche che scendendo in profondità incontrano le rocce calde oppure si devono alla condensazione del vapore generato sempre dall’incontro dell’acqua con le rocce calde.

Volcanic spring - Sorgente vulcanica sottomarina - intotheblue.it

Volcanic spring – Sorgente vulcanica sottomarina – intotheblue.it

 

Vi sono molti esempi, ma quello più famoso è sicuramente quello che si può vedere nell’area geotermica italiana di Larderello e del Monte Amiata dove le emissioni di vapore acqueo possono raggiungere i 160 gradi di temperatura e le 14  atmosfere di pressione e che l’uomo è riuscito ad utilizzare per molti scopi: produzione di energie elettrica, teleriscaldamento, uso in serricoltura delle basse entalpie ecc. In queste aree vulcaniche sono presenti fenomeni di vulcanesimo secondario.

Volcanic spring - Sorgente vulcanica sottomarina - intotheblue.it

Volcanic spring – Sorgente vulcanica sottomarina – intotheblue.it

 

I principali e più noti sono: le Fumarole, piccole fessure nel suolo da cui viene emesso vapore acqueo a circa 100 °C: a contatto con l’aria il vapore si raffredda e condensa formando dei “fumi” da cui deriva il nome del fenomeno; i Soffioni, un particolare tipo di fumarole: in questo caso il vapore acqueo fuoriesce dal suolo a forti pressioni e a temperature fra i 120 e i 200 °C. le Mofete, emissioni di anidride carbonica, questo gas è più pesante dell’aria e perciò ristagna nella strato d’aria a diretto contatto con il suolo, rendendo difficile la respirazione; le Solfatare, emissioni di gas contenenti zolfo, come l’anidride solforosa e l’idrogeno solforato. Intorno a queste emissioni le rocce si presentano ricoperte da uno strato i colore giallo per la sublimazione dello zolfo.

Volcanic spring - Sorgente vulcanica sottomarina - intotheblue.it

Volcanic spring – Sorgente vulcanica sottomarina – intotheblue.it

 

I Geyser: spettacolari getti intermittenti di acqua bollente e vapore acqueo, che vengono generalmente emessi ad intervalli regolari di tempo. Si formano in cavità piene d’acqua presenti nella crosta terrestre; a contatto con rocce incandescenti l’acqua si riscalda, entra in ebollizione e, insieme al vapore acqueo, viene espulsa sotto forma di getto; l’acqua poi ricade nel condotto del geyser e il ciclo si ripete; le Acque termali, acque calde che risalgono in superficie dal sottosuolo: possono derivare dal vapore acqueo proveniente dal magma e condensatosi, oppure dal riscaldamento di acque sotterranee per contatto con rocce calde.

Volcanic spring - Sorgente vulcanica sottomarina - intotheblue.it

Volcanic spring – Sorgente vulcanica sottomarina – intotheblue.it

 

Le isole vulcaniche sono quasi sempre interessate da fenomeni vulcanici secondari anche quando il vulcano è spento da poco tempo come a Pantelleria. L’ultima eruzione è avvenuta tra il 24 maggio del 1890 e la fine di novembre del 1891. In questo video vi mostriamo una sorgente geotermica sottomarina,  presente a Pantelleria, che si mescola con l’acqua di mare andando a formare una singolare area termale.

 

This slideshow requires JavaScript.

 

Informazioni sull'autore / About the author:
Stefano ha scritto / wrote 87 articoli / Posts.
Questo articolo è stato scritto il / This article was written on 21/04/2022
%d bloggers like this: