Triglia di scoglio

Share
Rates: 19

Mullus surmuletus ( Linnaeus, 1758) conosciuto comunemente come Triglia di scoglio, è un pesce osseo  marino appartenente classe Osteichthyes, ordine Perciformes, sottordine Percoidei, famiglia Mullidae. La triglia di scoglio è diffusa nell’ Atlantico orientale dalla Norvegia  (è rara a nord della Manica) al Senegal , nel Mar Mediterraneo e nel Mar Nero.  Popola fondali rocciosi e anche sabbiosi o coperti da vegetali, ma nelle vicinanze comunque di substrati duri, sempre a basse profondità.

Triglia di scoglio - Mullus surmuletus - Striped red Mullet - Surmullet - www.intotheblue.it

Triglia di scoglio – Mullus surmuletus – Striped red Mullet – Surmullet – www.intotheblue.it

Presenta un corpo piuttosto allungato, con una bocca piccola che può protrarre; dalla estremità si diramano due appendici (bargigli) che sono utilizzate per cercare cibo sui fondali. Gli occhi si trovano vicini al bordo superiore della testa, il quale può essere più o meno acuminato. Molto tipiche sono due grosse squame presenti nella parte posteriore della mandibola proprio sotto gli occhi.  Altra caratteristica tipica sono i denti che si trovano solo nella parte inferiore della bocca, cioè la mandibola. Le pinne dorsali sono separate ed in quella anteriore vi sono alcune fasce longitudinali di colore scuro. La triglia ha molte sfumature di colore: ha il dorso bruno-rossastro, i fianchi sono di un color rosa arancio e biancastro con tre o quattro strisce orizzontali giallo-dorate, il ventre è generalmente rosa.

Triglia di scoglio - Mullus surmuletus - Striped red Mullet - Surmullet - www.intotheblue.it

Triglia di scoglio – Mullus surmuletus – Striped red Mullet – Surmullet – www.intotheblue.it

La triglia di scoglio arriva ad una lunghezza compresa tra 20 e 25 cm, anche se le femmine sono di dimensioni superiori rispetto ai maschi. La triglia di scoglio si ciba di piccoli organismi bentonici  come molluschi, policheti, crostacei, echinodermi e anche piccoli pesci. Questo video è stato realizzato in una scogliera a circa 50 metri di profondità. Interessante ci è sembrato l’ecosistema della scogliera tipicamente coralligena del mar mediterraneo con una biologia variegata e rigogliosa. Gli animali marini sono molto variegati; troviamo infatti lo scorfano rosso, la murena, le castagnole rosse e vari pesci di barriera e pelagici. Sono inoltre presenti spirografi di vario genere, spugne marine, le gorgonie di Paramuricea clavata ed altri coralli. Un fondale quindi da ammirare che ci gratifica della fatica dell’immersione.

(tratto da Wikipedia)

This slideshow requires JavaScript.

Informazioni sull'autore / About the author:
Fanino Cirivasi Fanino Cirivasi ha scritto / wrote 194 articoli / Posts.
Questo articolo è stato scritto il / This article was written on 25/06/2022
%d bloggers like this: