Giglio di mare - Antedon Mediterranea

Share
Rates: 22

Il Giglio di mare Antedon MediterraneaMediterranean feather star – è uno degli animali più ricercati dai fotografi subacquei, un po’ per i colori di questa splendida ofiura ma soprattutto per la scarsa mobilità e per le caratteristiche morfologiche dei dieci tentacoli della stella marina che ricordano le più famose stelle marine piumate dei mari tropicali. Antedon Mediterranea Giglio di mare Mediterranean feather star intotheblue.it

Antedon Mediterranea Giglio di mare Mediterranean feather star intotheblue.it

Antedon Mediterranea Giglio di mare Mediterranean feather star intotheblue.it

Il giglio di mare mediterraneo (Antedon mediterranea) Lamarck, 1816) è un crinoide della famiglia degli Antedonidi, endemico del mar Mediterraneo.

Descrizione
È un crinoide privo di peduncolo, che si ancora temporaneamente al substrato per mezzo di numerosi cirri mobili a forma di artiglio, articolati direttamente alla base del calice. Dal calice si dipartono una decina di braccia dall’aspetto piumoso, che formano una corona di 20–25 cm di diametro, di colorazione variabile dal bianco al rosso, dal giallo all’arancio.

Biologia
Trascorrono la maggior parte del tempo ancorati al substrato, ma se disturbati sono in grado di sganciarsi e di spostarsi. Sono organismi lucifughi e pertanto si incontrano nelle zone ombreggiate e durante la notte.

Antedon Mediterranea Giglio di mare Mediterranean feather star intotheblue.it

Antedon Mediterranea Giglio di mare Mediterranean feather star intotheblue.it

Antedon mediterranea si nutre filtrando il plancton e altre piccole particelle dall’acqua di mare. Il cibo viene quindi avvolto nel muco e passato dai piedi del tubo lungo le scanalature ambulacrali sulle braccia fino alla bocca centrale che si trova sul lato superiore del calice. Antedon mediterranea può muoversi in misura limitata strisciando sui suoi cirri, “nuotando”, alternativamente alzando e abbassando le sue dieci braccia cinque per volta, oppure “camminando” sul fondale appoggiandosi sulle punte delle braccia e ansimando stesso insieme.

I sessi sono separati e le gonadi si trovano nelle pinnule della parte inferiore delle braccia. La deposizione delle uova avviene ogni anno, principalmente in primavera e si ritiene che sia innescata dalla produzione di testosterone nel maschio e 17β-estradiolo nella femmina. La fecondazione avviene in acqua e gli embrioni vengono cementati alle pinnule. Si schiudono in larve di doliolaria a forma di botte che nuotano liberamente che possono muoversi usando movimenti sincronizzati delle loro bande di ciglia. La produzione di serotonina li stimola a stabilirsi sul fondo del mare, ad ancorarsi a steli temporanei e a subire la metamorfosi in giovani stelle marine.

Antedon Mediterranea Giglio di mare Mediterranean feather star intotheblue.it

Antedon Mediterranea Giglio di mare Mediterranean feather star intotheblue.it

Alimentazione
Sono organismi filtratori passivi, che si nutrono di una varietà di protisti (diatomee e altre alghe unicellulari, foraminiferi), larve di invertebrati, piccoli crostacei e detriti organici.

Riproduzione
Sono animali gonocorici, cioè a sessi separati. I gameti sono prodotti da pinnule specializzate situate alla base delle braccia, e la fecondazione è esterna. Le uova rimangono attaccate alle braccia sino alla schiusa.

Le larve sono planctoniche nella prima fase di sviluppo, nelle fasi successive si fissano al substrato per mezzo di un peduncolo. Al completamento dello sviluppo il peduncolo si spezza e i giovani adulti ridivengono mobili.

Distribuzione e habitat
La specie è diffusa sui fondali del Mar Mediterraneo, dai 15 agli 80 metri di profondità. Cresce su fondali rocciosi ricchi di alghe, fondali sabbiosi e praterie di Posidonia.

https://it.wikipedia.org/wiki/Antedon_mediterranea

https://en.wikipedia.org/wiki/Antedon_mediterranea

Gallery

This slideshow requires JavaScript.

Informazioni sull'autore / About the author:
Andrea Cirivasi Andrea Cirivasi ha scritto / wrote 205 articoli / Posts.
Questo articolo è stato scritto il / This article was written on 11/08/2022
%d bloggers like this: