Palinurus elephas, Corallium rubrum, Scorpaena scrofa, Savalia savaglia, Anthias anthias

Share
Rates: 2

Palinurus elephas Corallium rubrum Scorpaena scrofa Savalia savaglia Anthias anthias intotheblue.it
Questo video è stato fatto il 2016.07.31 nei fondali del basso mar ligure ad una profondità di 65 / 70 metri. La durata è circa 15 minuti, la risoluzione  originale è di 1920 x 1080 x 60 fps. La risoluzione attuale è di 1200 x 720 x 24fps.  Particolarità da notare la presenza di un tramaglio (rete) per aragoste che un pescatore ha calato sul fondale assente il giorno prima (vedi 2016.07.03).

FILE0001_525


Photo Gallery

Le Gorgonie sono un importante indicatore biologico perché molto sensibili all’inquinamento ed al riscaldamento del mare; inoltre al loro interno troviamo una notevole biodiversità composta da invertebrati di ogni specie e da pesci che utilizzano la colonia sia come rifugio sia come luogo dove deporre al sicuro le uova.

Gli Alcionacei (Alcyonacea Lamouroux, 1812) sono un ordine di Octocoralli coloniali che si sviluppano radialmente intorno ad un asse corneo privo di scleriti e con corteccia dell’asse divisa in comparti. Sono organismi coloniali, formati da polipi.Il tipico polipo ha una colonna cilindrica che termina con una bocca circondata da 8 tentacoli pinnati. L’anatomia interna è assai primitiva, praticamente ridotta a una cavità intestinale (mesenterio), con un’unica apertura (la bocca).

Lo scheletro ha un asse di consistenza cornea, formato in prevalenza da una proteina detta gorgonina. È rivestito di un tessuto molle detto cenenchima, nel quale i polipi possono ritrarsi. Il cenenchima ha una consistenza più o meno fibrosa per la presenza di scleriti calcarei. La struttura scheletrica è di solito nera all’interno, ma assume vivacissime colorazioni sulla corteccia.

L’architettura tipica delle grandi colonie di gorgonie è a ventaglio, con tutte le ramificazioni su un unico piano, e la colonia può raggiungere dimensioni di 3 m di diametro e oltre. Palinurus elephas Corallium rubrum 

Le varie specie possono differenziarsi anche molto tra loro. Vivono in maggioranza fissate alle rocce. Sfruttano le correnti marine per cibarsi di plancton  e per disseminare le larve, che non hanno lo stadio di medusa. In una colonia esiste una comunicazione tra i diversi polipi, che si scambiano sostanze nutrienti ma anche informazioni. Se la punta di un ramo viene disturbata, l’intera colonia reagisce chiudendo i polipi.

(tratto da Wikipedia)

Informazioni sull'autore / About the author:
Fanino Cirivasi Fanino Cirivasi ha scritto / wrote 140 articoli / Posts.
Questo articolo è stato scritto il / This article was written on 03/08/2016