Sarago fasciato

Share
Rates: 5

Sarago fasciato Diplodus vulgaris

Sarago Fasciato - Two Banded Seabream - intotheblue.it

Sarago Fasciato – Two Banded Seabream – intotheblue.it

Sarago fasciato Diplodus vulgaris

Il Sarago fasciato (Diplodus vulgaris) appartiene alla classe Osteichthyes, sottoclasse Actinopterygii, ordine Peciformes, sottordine Pecoidei, famiglia Sparidae.

Di forma ovale, come tutti gli sparidi,  ha dimensioni in genere intorno ai 20-25 cm in età adulta. La bocca è molto piccola. Prevalentemente carnivoro si nutre di piccoli crostacei e vermi.

Il Sarago fasciato si distingue facilmente dagli altri saraghi per le due macchie scure a forma di sella, una nella parte anteriore tra la pinna dorsale e l’occhio, l’altra nella zona caudale, il dorso è grigio mente i fianchi ed il ventre presentano un colore argenteo.

E’ comune in tutto il Mar Mediterraneo e nell’Oceano Atlantico orientale sino al Senegal. Predilige i bassi fondali caratterizzati da zone rocciose dove trova facilmente riparo dentro le tane. E’ un pesce che ama molto la vita sociale ed infatti lo troviamo in branchi sia tra i propri simili sia insieme ad altri pesci di specie diversa.

Sarago Fasciato - Two Banded Seabream - intotheblue.it

Sarago Fasciato – Two Banded Seabream – intotheblue.it

Sebbene la famiglia dei Serranidi comprenda specie di diverse dimensioni, forme e colori, vi sono alcune caratteristiche tipiche presenti in tutti i serranidi: tipici esempi possono essere la Cernia bruna o la perchia, comuni nei mari italiani. La bocca è grande e protraibile, armata di denti conici impiantati in più serie. Il corpo è in genere robusto, con una lunga pinna dorsale, in parte spinosa e in parte a raggi molli, la pinna anale è più breve e porta anch’essa alcuni raggi spinosi, la pinna caudale può essere arrotondata, tronca o fortemente bilobata e filiforme (come in Anthias o Variola). Il preopercolo porta alcune spine o dentelli. Le scaglie sono piccole e ctenoidi.
Le livree sono variabili, di solito molto mimetici e quindi sui toni del bruno con macchie, strisce o fasce variamente disposte, spesso utili per distinguere le varie specie; molte specie, soprattutto tropicali, però mostrano vivaci colori rossi, gialli ed azzurri che talvolta, come nei vari Anthias, Cephalopholis, Variola, ecc. possono essere predominanti e comporre magnifiche livree.
Le dimensioni vanno dai pochi cm di molti Serranus agli oltre due metri di Epinephelus lanceolatus dei mari indopacifici.

(tratto da Wikipedia)

Informazioni sull'autore / About the author:
Fanino Cirivasi Fanino Cirivasi ha scritto / wrote 140 articoli / Posts.
Questo articolo è stato scritto il / This article was written on 17/02/2018