Medusa luminosa

Share
Rates: 15

In questo video fatto in estate abbiamo filmato la Medusa luminosa o Medusa viola, Pelagia noctiluca. Ci siamo fermati a filmare tre esemplari incontrati durante la stessa nuotata facendo snorkeling tra le onde cercando bene di evitare il contatto con queste meduse. Infatti la Pelagia noctiluca – Medusa luminosa – (Mauve stinger in inglese) è la medusa più pericolosa del Mar Mediterraneo, il contatto con i suoi tentacoli può provocare delle dolorose irritazioni e bruciature cutanee.

Pelagia noctiluca Medusa luminosa Mauve stinger intotheblue.it tentacoli secondari urticanti

Pelagia noctiluca Medusa luminosa Mauve stinger intotheblue.it tentacoli secondari urticanti

Il problema di questa medusa è che essendo praticamente quasi trasparente è pressoché impossibile vederla in acqua senza una maschera, in più quando è in caccia estroflette i tentacoli secondari urticanti che possono essere lunghi anche qualche metro. Come si vede nell’ incontro con la seconda medusa del video sono lunghi e sottilissimi, solo il riflesso della luce del sole ci ha permesso di filmarli abbastanza bene con la telecamera tanto da poterli vedere nel video.

Pelagia noctiluca Medusa luminosa Mauve stinger intotheblue.it tentacoli secondari urticanti

Pelagia noctiluca Medusa luminosa Mauve stinger intotheblue.it tentacoli secondari urticanti

Sono questi tentacoli secondari che provocano le fastidiose irritazioni e bruciature trai bagnanti durante i mesi di luglio e agosto, dal momento che anche se vediamo la medusa pensiamo di poterci trovare a distanza di sicurezza non considerando la lunghezza e l’invisibilità di questi. Tuttavia il problema è facilmente risolvibile usando la maschera e mantenendo le distanze.

Altra caratteristica da notare è che queste meduse emettono una certa bioluminescenza impercettibile di giorno ma visibile durante la notte.

Pelagia noctiluca Medusa luminosa Mauve stinger intotheblue.it

Pelagia noctiluca Medusa luminosa Mauve stinger intotheblue.it

La medusa luminosa (Pelagia noctiluca), è una medusa della famiglia Pelagiidae.

Distribuzione e habitat
È comune nel Mar Mediterraneo e nell’Oceano Atlantico orientale fino al Mare del Nord; è stata citata nelle cronache (nel 1992, 2003 e 2005) per la sua abbondanza nei nostri mari in alcuni periodi e per le dolorose irritazioni che provoca se sfiorata. È una specie pelagica, ma nel periodo autunnale e primaverile si avvicina alla costa.

Pelagia noctiluca Medusa luminosa Mauve stinger intotheblue.it

Pelagia noctiluca Medusa luminosa Mauve stinger intotheblue.it

Descrizione
Ombrello marrone-rosato o rosa-violetto di circa 10 centimetri di diametro, traslucido, composto da 16 lobi da cui partono 8 lunghi tentacoli retrattili, molto urticanti e semi-trasparenti, che partono dai bordi e si possono estendere fino a 2 metri. Le braccia orali, dello stesso colore dell’ombrello, sono lunghe fino a circa 30 centimetri.
L’epiteto specifico noctiluca deriva dall’iridescenza, di colore verde, di cui è dotata.

Biologia Alimentazione
Si nutre di plancton e di piccoli pesci che cattura tramite i tentacoli dotati di urticanti nematocisti.

Pelagia noctiluca Medusa luminosa Mauve stinger intotheblue.it

Pelagia noctiluca Medusa luminosa Mauve stinger intotheblue.it

Riproduzione
La P. noctiluca è una delle meduse che non attraversano lo stadio polipoide durante la maturazione. Gli adulti sono a sessi separati: la femmina depone le uova nel mare, che vengono fecondate dagli spermatozoi dei maschi. Dallo zigote nasce la planula, una larva dotata di ciglia per il movimento e che si disperde a livello planctonico. Non attraversa però lo stadio di scifistoma, ancorandosi al terreno, ma si divide direttamente in efira, una giovane medusa che poi crescerà a formare la medusa adulta.

https://it.wikipedia.org/wiki/Pelagia_noctiluca

https://en.wikipedia.org/wiki/Pelagia_noctiluca

Gallery

This slideshow requires JavaScript.

Informazioni sull'autore / About the author:
netartstudio netartstudio ha scritto / wrote 48 articoli / Posts.
Questo articolo è stato scritto il / This article was written on 24/12/2022
%d bloggers like this: