Posidonia Oceanica

FILE0010_118
Posidonia Oceanica Oceanic aquatic plant endemic Mediterranean Sea
Posidonia oceanica
(L.) Delile, 1813 è una pianta acquatica, endemica del Mar Mediterraneo, appartenente alla famiglia delle Posidoniacee (Angiosperme Monocotiledoni).

Ha caratteristiche simili alle piante terrestri, ha radici, un fusto rizomatoso e foglie nastriformi lunghe fino ad un metro e unite in ciuffi di 6-7. Fiorisce in autunno e in primavera produce frutti galleggianti volgarmente chiamati “olive di mare”.

Forma delle praterie sottomarine che hanno una notevole importanza ecologica, costituendo la comunità climax del mar Mediterraneo ed esercitando una notevole azione nella protezione della linea di costa dall’erosione. Al suo interno vivono molti organismi animali e vegetali che nella prateria trovano nutrimento e protezione.
Il posidonieto è considerato un buon bioindicatore della qualità delle acque marine costiere.


Ecologia
Vive tra 1 e 30 metri di profondità, eccezionalmente e solo in acque molto limpide fino ai 40 metri, e sopporta temperature comprese fra i 10 e i 28 °C. È una pianta che necessita di valori di salinità relativamente costanti per cui difficilmente si trova nei pressi di foci di fiumi o nelle lagune. Ha bisogno di una forte illuminazione, per cui la luce è uno dei principali fattori limitanti. Colonizza i fondali sabbiosi o detritici ai quali aderisce per mezzo dei rizomi e sui quali forma vaste praterie, o posidonieti, ad elevata densità (oltre 700 piante per metro quadrato). Una piccola parte di questa produzione (dal 3 al 10%) viene utilizzata dagli erbivori, una parte più cospicua passa agli organismi decompositori e un’altra percentuale viene immagazzinata all’interno delle mattes in foglie e rizomi.

Le praterie presentano un limite superiore ed un limite inferiore.
Il primo, il punto in cui ha inizio la prateria partendo dalla costa, è piuttosto netto, mentre il secondo, il punto dove finisce, può essere di tre tipi:

Limite progressivo o climatico: con l’aumentare della profondità, diminuisce la densità dei fascicoli fogliari perché la luce diventa un fattore limitante. È caratterizzato dalla presenza di rizomi plagiotropi che finiscono improvvisamente.
Limite netto o edafico: il tipo di substrato non permette la progressione dei rizomi, passando per esempio da un substrato sabbioso ad uno roccioso. È caratterizzato dall’assenza di matte e dalla presenza di un’alta densità di fascicoli fogliari.
Limite erosivo: è legato al forte idrodinamismo che non consente alla prateria di progredire. È caratterizzato da elevata densità e presenza di matte.
Limite regressivo: è causato dall’inquinamento che rende le acque di una data area torbide, impedendo quindi la penetrazione della luce più in profondità. Vi si trovano solo matte morte.

Nelle aree riparate e a basso idrodinamismo, che provoca una maggiore sedimentazione, le matte possono alzarsi fino a che le foglie non raggiungono la superficie dell’acqua. Si crea in questo modo una barriera detta recif barriere. Tra la barriera e il litorale si può formare una laguna, e ciò impedisce il progredire della prateria verso la costa. La recif barriere ha un ruolo importantissimo nella protezione della linea costiera dall’erosione.

Nelle zone a forte idrodinamismo, invece, i rizomi possono essere scalzati, creando delle formazioni dette intermatte, costituite da canali di erosione.

 

FILE0010_113


Posidonia oceanica come bioindicatore 

Da circa una ventina di anni sta sempre più prendendo piede l’utilizzo di Posidonia oceanica come indicatore biologico. Fasci isolati di Posidonia oceanica. L’analisi della densità dei fasci costituisce uno dei metodi di studio delle praterie. La pianta infatti presenta tutte le caratteristiche proprie di un buon bioindicatore:

è una specie bentonica;
presenta un lungo ciclo vitale;
è diffusa ampiamente in tutto il Mediterraneo;
ha una grande capacità di concentrazione nei suoi tessuti di sostanze inquinanti;
è molto sensibile ai cambiamenti ambientali.
Attraverso lo studio delle praterie è quindi possibile avere un quadro piuttosto attendibile della qualità ambientale delle acque marine costiere.

 

VIDEO

Posidonia Oceanica

 

 

(Wikipedia)

8 comments

  1. Free Auto Approve List 7-15-2018 on

    I hope you all are having a great weekend. I added a new list. This one is smaller, but still useful. I think the next one will be bigger.

    Reply
  2. see this on

    I simply want to mention I’m new to weblog and really loved you’re web blog. Probably I’m likely to bookmark your site . You certainly have good article content. Thank you for revealing your web page.

    Reply
  3. online education programs on

    I do not even know how I ended up here, but I thought this post was good. I don’t know who you are but certainly you are going to a famous blogger if you aren’t already 😉 Cheers!

    Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Facebook
Facebook
LinkedIn
Twitter
Google+
Google+
http://www.intotheblue.it/gallery/posidonia">
YouTube
Pinterest
INSTAGRAM