Muraena helena - Echinaster sepositus - Stylocidaris affinis

Share
Rates: 21

Muraena helena Echinaster sepositus Stylocidaris affinis
In questa immersione del 27/08/2016 possiamo vedere esemplari di varie specie pittosto comuni nel mediterraneo, incontriamo infatti all’inizio il “Sabella spallanzanii” più comunemente chiamato Spirografo è un anellide policheta canalipalpato della famiglia dei Sabellidae, mentre si ritrae improvvisamente una volta avvertita la presenza del subacqueo.

La MurenaMuraena helena, è un pesce osseo marino appartenente alla famiglia Muraenidae, in atteggiamento difensivo dopo una prima fase di curiosità.

murena_04

La comune e onnipresente Stella marina rossa, “Echinaster sepositus” che è un echinoderma della famiglia Echinasteridae, molto comune nel mar Mediterraneo. Muraena helena Echinaster sepositus Stylocidaris affinis

Echinaster sepositus

La stella marina rossa (Echinaster sepositus Retzius1783) è un echinoderma della famiglia Echinasteridae, molto comune nel mar Mediterraneo. Tipica colorazione rosso brillante, più scura sul dorso e più chiara inferiormente. Cinque braccia di lunghezza uguale, caratterizzate da piccole depressioni. Dimensione massima di 30 centimetri. Comune in tutto il Mar Mediterraneo fino a 200 metri di profondità, la si può trovare sia lungo la superficie di rocce che tra praterie di posidonie, comunque non a temperatura superiore ai 22 °C.


gli immancabili Anthias anthias insieme a varie specie di Labridi e Sparidi.

Ed infine lo “Stylocidaris affinis“, conosciuto comunemente come Riccio matita, è un echinoderma della famiglia Cidaridae.

Stylocidaris affinis – Riccio matita

Stylocidaris affinis (Philippi, 1845), conosciuto comunemente come riccio matita, è un echinoderma della famiglia Cidaridae.

Descrizione

Aculei molto evidenti, spessi, ben distanziati, lunghi quanto il diametro del corpo, di colore da giallo a rosso, che può raggiungere i 5 centimetri.

Biologia

Si nutre di briozoimolluschiforaminiferi.

Distribuzione e habitat

Mar Mediterraneo e Oceano Atlantico, su fondali coralligeni o detritici, da circa 30 metri di profondità (fatta eccezione per alcune località, come Pantelleria o nelle grotte di Alghero, dove si trova talvolta anche a livelli superficiali) fino a 1000 metri. È possibile poterlo rinvenire lungo le banchine dei porti lasciati dai pescatori che ripuliscono le reti dove vi rimangono spesso impigliati.

https://it.wikipedia.org/wiki/Muraena_helena

https://it.wikipedia.org/wiki/Echinaster_sepositus

https://it.wikipedia.org/wiki/Stylocidaris_affinis

Informazioni sull'autore / About the author:
Andrea Cirivasi Andrea Cirivasi ha scritto / wrote 180 articoli / Posts.
Questo articolo è stato scritto il / This article was written on 12/09/2016
%d bloggers like this: